Bullo

  • Written by 
  • Published in Blog
  • Read 187 times

La condivisione di uno scritto, permettono di spartire informazioni,
alimentando tra soggetti geograficamente distanti, il veicolare di
particolari informazioni, “voce delle necessità,” che tramite
internet, ci permetterà di raggiungere un certo numero di gente, in
gran quantità.
L’orgoglio di essere Siciliano, mi mantiene lontano, da qualsiasi
rapporto disumano, per quanto mi riguarda è doveroso evidenziarlo,
caro Paesano.
La diretta esperienza quarantennale sul campo di battaglia, spesso,
permette di reagire istintivamente, dando voce, ad una giustizia
terrena e morale, al cospetto, di una commediante esigenza personale.
Un detto popolare attira la mia attenzione, rispecchia tanto la mia
realtà, perché non ha un limite la disabilità comportamentale del
prossimo, a cui non importa niente del rispetto morale.
Un reale dato di fatto, confermato e dimostrato, da quelli che
ignorano la concreta realtà, in cui troviamo il succo del significato,
in una frase recitata: "Al peggio non c’è mai fine".
Mi piace parlare, così, contemporaneamente, la mia mente l’aiuto a digerire.
Un certo numero di persone, da luce ad alcune situazioni, offrendo
all’alito della ragione, sfogo per una reale, e sofferta specifica
condizione.
Sono in tanti che risicano, ma ugualmente provocano.
Uomini, che giocano con il rispetto, donne, che sposano un mal
costume, amandolo in modo perfetto.
Alcuni non hanno una disabilità, ma gli fa comodo parcheggiare, in un
posto in cui non possono sostare. Penserebbero diversamente, se in
famiglia, avessero un figlio da difendere, dalla regola del più forte,
Tarlo, che inghiotte il rispetto dell’intera umanità.
Tra le molte norme, in Italia Esiste una legislazione, ma chiudono
ugualmente gli occhi, fregandosene di una particolare situazione.
La violazione di una corretta condotta morale, rendono la nostra
società, facilmente giudicabile, rendendola, sempre più vulnerabile.

“Pur di non camminare, l’inciviltà sei disposto a sfoggiare.”
Devi continuamente rammentare, che non tutti possono spostarsi a piedi
agevolmente, ad alcuni, manca l’uso degli arti inferiori, o il privo
della vista che devi attenzionare, poiché a secondo le situazioni, non
è facile poterli accompagnare, non l’ho scordare.
Molte invalidità, fanno comodo a chi il pas non lo ha.
Se ti torna utile parcheggiare, la richiesta a chi sta in alto devi inoltrare.
Alla risposta multipla, segna con una x l’invalidità che vuoi
ottenere, solo in questo modo la multa puoi evitare. Non senti il peso
della tua coscienza? Ipocrita cittadino, rispettoso della sacra e
spudorata apparenza
Quasi tutti, una buona parte, possediamo una moralità più o meno di
gran valore, in cui alcuni, la mostrano con il logo dell’onestà,
altri, sfoggiano il simbolo come quello del sedere.
Tra queste righe, la verità la puoi costatare, una espressività per
alcuni dura da accettare, ma posso garantire, che, ci sarò sempre, ad
esprimere un pensiero personale, di attualità, che rispecchia la
quotidianità, anche la mia, giornata, formata da continue necessità.
La moralità, equilibrio dell’intera umanità, qualità, sconosciuta a
quanti s’illudono di possedere una propria personalità.
Una continua esposizione soggettiva, di un contesto caratteriale
insensibile, separa la mia strada da un altro tracciato, spesse volte
inpercorribile.
Uno stato di fatto soggettivo, che spesso, nonostante le difficoltà,
la normalità di una vita regolare, riesce a far dimenticare la propria
necessità, illusi momenti inquinati, da quel Tarlo ingordo, di un
bullo, che pretende lo Stallo.
appropriati di questa esigenza altrui, che non è una apparenza, il
destino, saprà consegnarti al momento giusto una preziosa emozione
ricca di riconoscenza. Il continuo confidare, in quanti, devono occuparsi di tutelarti, deve
farti ben sperare, aggiungendo alla rassicurazione, una giusta
punizione, di una giustizia regolatrice, di rapporti tra facchino e
chi prova le tue stesse emozioni.
Questa predisposizione, devi possederla, nonostante il destino, ti ha
consegnato particolari esigenze, a ciascuno con le propre porzioni.

 

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.