Mi porta lontano

  • Written by 
  • Published in Blog
  • Read 761 times

Hai avuto mai la percezione di quell’attimo, che paradossalmente ti
concede la possibilità di conoscere una dolce creatura, e nello stesso
tempo, ti priva di quel complice destino?

Un attimo surreale bruciato dal tempo, un inarrestabile ticchettio
nella mia mente, un suono che spingeva le lancette dell’orologio, come
potevo non pensarla in quel momento.

Una imposizione circostanziale, dettata da una infinità di situazioni
personali, attimi in cui solo i pensieri provano piacere. L’assenza
dello sguardo l’ho sostituito con l’udito, immagina, un parziale
aproccio per quell’inaspettato incontro.

Sarà stato un gioco di sguardi?

Gli occhi parlano, spesso, si esprimono meglio della voce. Ciascuno ha
un proprio modo di relazionarsi, per condizione, per emozione quando è
possibile. Quella voce gradevole mi “guardava”, volevo trattenermi
ancora un po’ all’interno dell’aeroporto, ma l’ora dell’imbarco era
quasi vicina.

Da quella volta in poi non l’ho più rivista, è stato un ricordo, messo
da parte proprio in quel momento che sono partito per la Germania. Con
la complicità della nostalgia per la mia famiglia e, della mia
Sicilia, iniziò a sostituirsi lentamente quanto in quel momento
padroneggiava nella mente.

L’aeroplano decollava, sempre più in alto, che splendore
quell’immenso cielo, in quel momento, capii che precedentemente un
fulmine a cel sereno mi aveva colpito. (Bum!)

Il viaggio proseguiva, Mannheim era più vicina, e i pensieri erano
sempre più sfogati. Infatti, per distrarmi, iniziai a riprendere i
colori, che appartengono alla mia terra,

che tengo ben custoditi nell’anima. Quelle immagini, quasi scomparse
dalla mia “visione”, un bene inestimabile, che i miei occhi non
riescono più a contemplare, ma rimangono ricordi che devo custodire,
una volta che il tempo, con il suo passaggio, ha la capacità di
cancellare attimi singolari di ciascuno. Spesso mi fermo a pensare, e
i ricordi riaffiorano, ogni informazione viene continuamente elaborata
dalla mia mente in continuo viaggio.

 

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.