Partendo da “Note di vita su spartito musicale” ricomincio ad aggiornare questo blog

Durante questi anni, per diverse vicende personali, ho trascurato il mio blog. Una sezione, una vetrina sul mondo, creata per permettere agli altri di potermi conoscere, leggendo uno dopo l'altro le mie creature. Il destino volle
che, qualche mese fa, una delle mie memorie di massa, dove conservavo tutto quello che scrivevo, musica, foto e tanti altri documenti personali, cadde a terra. Non l'avessi mai portata in ufficio! Quella caduta la condannò a morte,
vi lascio immaginare cosa vuol dire perdere tutto, non sono riuscito a recuperare nulla. Adesso, però, ho deciso di usare questo mezzo con maggiore costanza perchè vorrei comunicare le mie attività confrontandomi ed interagendo
con voi, consapevole di mostrare una sezione sentimentale vulnerabile. Proprio qualche giorno fa mi sono capiate fra le mani delle foto che ritraggono un momento importante della mia vita. Risalgono precisamente al  22 agosto 2014, data in cui presentai “note di vita su spartito musicale”, presso la sede dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Agrigento.
Ricordo che quel giorno erano presenti in tanti: la mia famiglia, i miei amici, il mio collega Marco Midulla, fu lui che mi spinse a lanciarmi verso questo nuovo mondo dell'editoria, per me fino al 2014 impensabile.
Ammetto che espormi attraverso dei testi, mi ha dato la possibilità di imparare, in particolar modo, a scrivere quello che la mia mente elabora, per poi dettarlo alle dita che interagiscono con la tastiera del mio inseparabile portatile. Oggi posso affermare con orgoglio, che ho realizzato uno dei tanti sogni che attendono in cuor mio, la pubblicazione del mio piccolo volume, parte di quanto mi appartiene in attesa di una nuova prossima uscita...